Un nuovo anno scolastico

IsolaScuola1Prossima fermata … scuola !
Inizia un nuovo anno scolastico e molte famiglie hanno già messo in moto la consueta “macchina” organizzativa e logistica di supporto.
Qualche genitore deve ripensare i propri orari (operazione non sempre facile, dopo l’inerzia e i caldi africani dell’ultimo agosto), mentre qualcun altro si trova in piena fase di approvvigionamento: libri, zaini, squadre, compassi, carta in tutti i formati, più o meno bianca, rigata, quadrettata, millimetrata, liscia / (semi-)-ruvida, magari … riciclata (un pensiero all’ambiente non guasta).

Il centro di gravità emozionale sono però i timori diffusi dei più piccoli, paure che, col tempo, andranno a sparire o si trasformeranno in esuberanza, consapevolezza, attesa d’incontro con vecchi compagni, costruzione di nuove relazioni e micro-rivoluzioni del pensiero.
Pensando ai bambini in procinto d’accedere alla scuola elementare, non possiamo che riproporre quanto prescrive la pedagogia contemporanea (e, in parte, il buon senso comune). E’ importante agire in modo rassicurante; il bimbo non deve vivere con ansia il nuovo percorso e chi lo circonda dovrebbe apparirgli sereno e comunicargli che la scuola è un luogo “sicuro” e protetto, a tratti persino piacevole … nel caso che si presenti qualche problema imprevisto, ci sarà sempre una soluzione, con l’aiuto dei maestri o la conoscenza più approfondita dei nuovi compagni.

Quella della scuola, a tutti i livelli, rappresenta una fase lunga ed intensa del nostro vissuto. Le IsolaScuola2tante ore di coinvolgimento, i frullati d’emozioni e relazioni e i cambi di prospettiva disegnano ricordi e determinano scelte importanti per gran parte della vita a venire. L’esperienza narrativa della scuola è un vero e proprio archetipo nella nostra cultura; tutti la raccontiamo per episodi e aneddoti e tutti ci confrontiamo con l’universo di libri, film e canzoni assurti a palcoscenici, metafore e colonne sonore di quella quotidianità dove ancora “tutto è possibile” … persino i sogni.

Sicuramente, ricordi positivi per tutti (o per tanti) sono quei momenti magici in cui abbiamo scelto quaderni, matite e pennarelli … colori, fumetti e cartoni scivolavano su diari e copertine vestendo oggetti-icona che, rigirati tra le mani di un bambino, prendevano la strana dimensione del regalo.
Gros Cidac, per la propria clientela, ha allestito, in area vendita, la consueta “isola” dedicata alla scuola, per fare un po’ parte di quel mondo e fornirvi varietà, offerte e occasioni che speriamo possiate gradire.
In ogni caso, il nostro Ipermercato augura, con piacere, buon anno scolastico a tutti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *