Stanchezza e concentrazione: incontro benessere

Idee per il cambio di stagione

Accogliere il cambio di stagione – ph. Melk Hagelslag by Pixabay

Domani, 9 ottobre, il nostro ipermercato ospiterà un incontro dedicato a “stanchezza e concentrazione”, nuova tappa informativa del ciclo salute e benessere (qui l’articolo introduttivo).

Nello spazio ospitato dal reparto libri e media, Carlotta Minero Re, farmacista, naturopata e fitoterapista, riprenderà il dialogo con i nostri utenti. Anche questa volta, grazie alle sue note, possiamo anticiparvi i temi e il mood dell’intervento.

Stanchezza e concentrazione: il cambio di stagione

Il passaggio dall’estate all’autunno induce i cambi di ritmo che tutti conosciamo, giornate meno luminose, avvisaglie di stress e continue richieste di attivazione.

Il segreto non è però correre di più, ma lasciarsi andare al naturale rallentamento, ricaricando le batterie.

Definizioni e sintomi chiave

Allineare le energie verso il basso – ph. Gerd Altmann by Pixabay

Come abbiamo visto nell’appuntamento precedente, dedicato alla depurazione, ci sentiamo più stanchi e percepiamo un organismo “appesantito”.

Non siamo in linea con la nuova stagione, che richiede uno spostamento dell’energia verso il basso.

Proviamo a elencare i sintomi chiave: astenia fisica e mentale, sonnolenza dopo i pasti, difficoltà a dormire e concentrarsi, confusione, apatia, tristezza e senso di gonfiore.

Uno studio mirato ha rilevato che, al cambio di stagione, il 60% dei ragazzi si percepisce tra le pieghe di questa situazione.

Che fare se non si riesce a riposare bene ?

Sicuramente, per migliorare la qualità del riposo, occorre scegliere bene gli alimenti per il pranzo e per la cena.

Tisane in autunno

Contributi delle tisane in autunno – ph. congerdesign by Pixabay

Un ulteriore supporto può arrivare dalle piante ad azione rilassante, come la melissa (per le proprietà sedative), il tiglio (contro gli stati neurotonici e i disturbi del sonno)  e la camomilla (per rilassarci e aiutare la digestione).

Capiremo come preparare tisane e infusi e sfruttare al meglio questi doni della natura.

L’importanza di un cervello in buona salute

Il cervello richiede nutrimenti adatti e la formula vincente dovrebbe essere composta da un mix di acidi grassi omega-3, estratti vegetali (come il ginkgo biloba), antiossidanti, vitamine e minerali.

Parlandone, impareremo a scegliere gli alimenti che possono offrire queste sostanze al nostro organismo, in modo equilibrato, curando diversi aspetti circolatori e metabolici.

Una passeggiata

Durante l’incontro, percorreremo idealmente i sentieri di opportunità che si dispiegano nel mese di ottobre, compiendo una sorta di passeggiata virtuale tra frutti selvatici e radici.

Qualche suggerimento per la spesa
Rami di ginkgo-biloba

Foglie di ginkgo-biloba – ph. Markéta Machová by Pixabay

La scelta degli alimenti per i nostri “carrelli autunnali” deve tener conto di tutti gli aspetti della nutrizione quotidiana.

Si sa che una vera e propria disciplina alimentare è difficile da raggiungere, ma proveremo a introdurre, a poco a poco, i piccoli segreti che possono sanificare la vita, con un’attenzione al dettaglio ispirata a una frase di Kurt Vonnegut Jr. (scrittore e accademico statunitense):

La gente fa caso solamente alle immagini delle cose. Nessuno fa caso alle cose stesse.

Ringraziamo ancora Carlotta Minero Re per i contenuti e il Dr. Nicola per il contributo all’organizzazione degli eventi.