Sapori e immagini della Pasqua

Simboli della Pasqua Blogzine Cidac groscidac.eu/blog

Simboli e icone della Pasqua – ph. Alexas Fotos by Pexels

Il recente ingresso nella primavera è il viatico delle celebrazioni pasquali e, in questo pezzo, vogliamo riscoprire con voi sapori e immagini della Pasqua.

Le tradizioni storiche

Nei riti pagani era già presente la celebrazione del periodo di rinascita della natura, mentre nella tradizione più recente, ebraica e cristiana, la Pasqua è una ricorrenza religiosa. La Pasqua ebraica segna il termine della schiavitù di quel popolo, in corrispondenza dell’esodo dall’Egitto.

Nella cultura cristiana, la Settimana Santa scandisce una sequenza, incardinata nelle scritture e legata alle ultime fasi della vita di Gesù. Com’è noto, la Pasqua non ha una collocazione fissa nel calendario; è la domenica che segue il primo plenilunio dopo l’equinozio di primavera. Quest’anno ricorrerà il 4 aprile.

Feste e icone

Il periodo pasquale è costellato di riti religiosi – messe, processioni ed eventi – gravidi di simboli decorativi, come i rami di ulivo o le palme. L’iconografia non è solo religiosa, è presente anche il coniglio pasquale che porta le uova. È vero che la lepre, ai primordi del cristianesimo rappresentava proprio Cristo, ma il cambio di colore della sua pelliccia ricorda sia la resurrezione che, più genericamente, la stagione della rinascita.

Uova di Pasqua in Cidac Blogzine Cidac groscidac.eu/blog

Immagine uova di Pasqua di cioccolato in Cidac – ph. E.Bredy

Le uova simboleggiano la nascita o la rigenerazione della vita e sono, fin dall’antichità, simboli di fertilità e rinnovamento. In un recente articolo, abbiamo parlato dei giochi collegati alle uova, in particolare la caccia alle uova, di origini nordiche.

La colomba è un altro simbolo tipico delle giornate pasquali, visto che l’animale, ad ali distese, simboleggia la pace a livello globale e, come l’uovo, prende forma iconica anche nei dolci.

Tradizioni originali dal mondo

Sarebbe troppo impegnativo narrare tutte le declinazioni che la Pasqua assume nei vari paesi. Ci piace però riportare due modalità originali di festeggiamento, entrambe di origine scandinava.

In Finlandia, i bambini girano per le strade, dopo essersi cosparsi il volto di fuliggine e aver avvolto la testa in una sciarpa, per incarnare le streghe da esorcizzare (a volte, portano con sé anche la scopa).

In Norvegia, libri e film dal mood giallo-thriller impazzano, figli di una promozione editoriale su un quotidiano dei primi del ‘900, scambiata, all’epoca, per notizia reale.

Sapori e immagini della Pasqua – l’arte

Ultima cena di Leonardo Blogzine Cidac groscidac.eu/blog

Particolare dell’Ultima cena di Leonardo da Vinci – ph. janeb13 by Pixabay

Le grandi opere d’arte dedicate alla Pasqua sono innumerevoli, soprattutto nel nostro paese. Anche in questo caso, redigere un elenco significativo sarebbe cosa improba.

Ci limitiamo a ricordare, per immagini, un grande classico e una produzione della modernità: L’Ultima cena di Leonardo Da Vinci e la Resurrezione di Pericle Fazzini.

L’Ultima cena è un affresco a parete collocato nella chiesa di Santa Maria delle Grazie a Milano. È la cena in cui Gesù rivelava agli apostoli che sarebbe stato tradito. Leonardo lavorò a lungo sulle espressioni e sulle reazioni emotive dei dodici, realizzando una delle opere più note al mondo.

Resurrezione di Fazzini Blogzine Cidac groscidac.eu/blog

Foto della Resurrezione di Pericle Fazzini – ph. Anna&Michal by Flickr (CC by SA 2.0)

La Resurrezione di Fazzini è una splendida scultura, commissionata da Paolo VI nel ’65. Ospitata dai Musei Vaticani, dà forma artistica al Mistero della fede. Il Cristo si staglia su una moltitudine di fedeli, ramificata e intrecciata in forme suggestive, per un abbraccio ideale, che tutto avvolge.

Sapori e immagini della Pasqua – la gastronomia

L’abitudine di donare delle uova, con “packaging” di foglie e decorazioni di fiori, affonda le radici in epoca medioevale. La diffusione delle uova al cioccolato, invece, è un fenomeno relativamente recente, nato dall’iniziativa di alcune aziende dolciarie dell’hinterland londinese, nel secolo scorso.

La strenna delle sorprese si deve però a un orafo, Peter Carl Fabergé, che ideò, per la corte degli Zar, diversi scrigni-gioiello in forma d’uovo, con evidente rimando alla tradizione delle matrioske.

È diffusa anche l’usanza di cucinare l’agnello, secondo una tradizione che ha echi sia nel “passaggio” ebraico, che nei sacrifici rituali pre e post cristiani (oltre che nella cultura contadina).

Colombe di Pasqua Blogzine Cidac groscidac.eu/blog

Dispiegamento di colombe di Pasqua in Cidac – ph. di E.Bredy

Le ipotesi sulle origini del dolce in forma di colomba sono sicuramente più dibattute e si moltiplicano, in un arco di tempo che va dall’epoca longobarda ai primi decenni del secolo scorso.

Le proposte di Cidac

Il nostro Ipermercato espone, in area di vendita, un variegato ventaglio di dolci pasquali – uova e colombe in primis – con cui allietare il prossimo periodo festivo.

Con una settimana d’anticipo, cogliamo l’occasione per porgervi i nostri migliori auguri.