You are currently viewing Digestione e nutrimento: terzo incontro benessere
[:it]L'importanza di un approccio naturale alla digestione - img Pixabay by silviarita[:]
  • Auteur/autrice de la publication :
Importanza di un approccio naturale alla digestione
L’importanza di un approccio naturale alla digestione – img Pixabay by silviarita

« Digestione e nutrimento » è il tema del prossimo incontro – benessere organizzato da Cidac, in sinergia col Dr. Nicola.

Mercoledì 30 ottobre, nel reparto libri e media, Carlotta Minero Re, farmacista e naturopata, offrirà spunti dalla sua esperienza, puntando il focus sul nostro rapporto col cibo.

Le note che voluto condividere con noi ci aiutano a disegnare il fil rouge del prossimo intervento.

Intestino, digestione e nutrimento

Il cibo che scegliamo ogni giorno, le nostre azioni in cucina e il momento del pasto accostano un piacere sensoriale al bisogno di accumulare energia.

Dal cibo all’energia … parliamo di un processo che cammina su equilibri delicati, che richiede tempo e un po’ di attenzione.

È bene dedicare ai pasti tempo e attenzione – img Pixabay by rawpixel

La distrazione con cui spesso mangiamo, è la prima, vera causa di problemi digestivi.

Dove inizia e dove finisce il viaggio del cibo

Tutto ha inizio con un sentimento chiamato « desiderio » … e, se fosse sempre cosi, il cibo sprigionerebbe « magia » da quando lo scegliamo a quando lo consumiamo.

In realtà, quanto e come prepariamo i nostri 3 pasti giornalieri ?

Conosci il tuo corpo scegli il tuo cibo

La nostra età, il genere, chi siamo e come bruciamo energie dovrebbero essere le coordinate che ci guidano. Quale cibo è meglio scegliere per le varie fasi che accompagnano il viaggio della vita ?

Proviamo a partire dai disagi legati all’alimentazione e a cercare risonanze tra i sintomi e il nostro vissuto:

gonfiore e pesantezza o bruciore di stomaco / sonnolenza / aerofagia / disturbi intestinali / infiammazione / senso di stress / depressione / dolori lombari / afte, stomatiti e lesioni della bocca / cistiti e candide ricorrenti / alito cattivo …

L’intestino al centro – microbioma

Quest’organo straordinario vive un equilibrio dinamico e gestisce i suoi ritmi insieme al sistema nervoso.

Tutti i « passaggi chiave » riguardano l’equilibrio microbiotico e il sostegno alla digestione e, ancora una volta, la natura viene in nostro aiuto.

Tisane e infusi vengono in nostro aiuto – img Pixabay by Marina Pershina

Prodotti molto noti, come l’origano (un regolarizzatore), l’aglio (digestivo e antiossidante), la radice di zenzero o la curcuma, insieme a enzimi digestivi e probiotici (riequilibranti), possono essere preziosi.

Anche fibre e prebiotici inducono una normale funzionalità intestinale e tutte queste componenti, favorendo una digestione sana, producono aumenti meno rapidi e più equilibrati del glucosio nel sangue.

8000 anni di evoluzione

Come ha fatto l’uomo a mantenere forte il suo microbiota intestinale in un tempo così lungo ? La risposta si naconde nella pratica di fermentare il cibo … è un processo che conosciamo ancora ?

È interessante osservare la velocità con cui i cibi stazionano nello stomaco, per evitare o scegliere quel che, forse, siamo più disposti a ricevere.

« Digerire è meglio che curare » … per parafrasare una frase nota. Anche le nostre emozioni giocano un ruolo importante.

Se mettessimo una telecamera nello stomaco, potremmo vedere la poltiglia disordinata dei vari cibi … il pane, la carne, la verdura, il vino, l’acqua, i dolci … lo stomaco riceve e comincia a contrarsi per mescolarli.

Ogni alimento ha un suo tempo di permanenza. Il riso e altri cereali restano nello stomaco circa 1 ora, la pastasciutta circa 3 ore, il tonno sott’olio quasi 6.

Come mangiare ?
Quali sono le giuste domande su cibo e salute ? img Pixabay by congerdesign

Lo stomaco desidera cibo liquido, cibo caldo, cibo crudo tritato, cibo sminuzzato in piccole porzioni e ben masticato.

Prendendo farmaci o prodotti contro l’acidità di stomaco si risolvono i sintomi, ma non si eliminano le cause dei disagi.

Le piante per l’apparato digerente

Durante l’incontro si parlerà di ricette per le tisane dopo pasto: achillea, zenzero, origano, malva, liquirizia, menta piperita, rosmarino, artemisia, coriandolo, santoreggia, genziana, malva

Valuteremo nel dettaglio ingredienti, dosaggi, tempo e preparazioni, per realizzare gli infusi più adatti.

Il poeta inglese Robert Herrick, diceva:

una scintilla trascurata può generare un fuoco incontrollabile

Quest’immagine ci può ricordare che ogni sensazione, sintomo, manifestazione ha origine in noi e per noi. Non trascuriamola, perché può racchiudere elementi di crescita.