La zuppa alla Valpellinense

Ingredienti della Seupa Blogzine Cidac groscidac.eu/blog

Assemblaggio creativo degli ingredienti della Seupa – ph. E.Bredy

Ispirati dalla festa patronale di Valpelline, tenutasi l’altro ieri, abbiamo deciso d’aprire la nuova rubrica di ricette con la zuppa alla Valpellinense (o Seupa à la Vapelenentse).

La festa celebra ogni anno il patrono del comune valdostano, San Pantaleone, con una serie di eventi, come la Sagra della Seupa – di norma la domenica più prossima al 27 luglio – una fiera del bestiame d’antiche tradizioni e altre iniziative, come una gara podistica.

La gara podistica

Ha lo stesso nome della Seupa e si tiene in notturna, su un circuito, che viene percorso per le lunghezze di 4 e 8 chilometri.

Brodo di carne per la Seupa Blogzine Cidac groscidac.eu/blog

Gli ingredienti chiave della Zuppa: brodo di carne – ph. Alex Bayev by Pexels

Gros Cidac è tra gli sponsor della kermesse sportiva, tappa di un variegato circuito podistico, sostenuto dal nostro ipermercato.

Un piatto di antica tradizione

La zuppa alla valpellinense è il piatto sovrano che arricchisce le degustazioni collegate alla Sagra.

Ha accompagnato tutte le antiche tradizioni di Valpelline, propaggine laterale della Valle del Gran San Bernardo. La zona è nota anche come « Coumba freida » (conca fredda), per i venti gelidi che la percorrono nella stagione invernale.

L’inverno, si sa, è la stagione d’elezione per le zuppe calde, ma la nostra Vapelenentse è diventata un’icona della cucina locale, che viene proposta in tutto l’arco dell’anno.

La zuppa alla Valpellinense – ricette

La Seupa nasce come piatto povero, legato alla tradizione contadina, ma cuochi di valore ne hanno fatto un vero e proprio atout della tavola regionale.

Cavoli verza Blogzine Cidac groscidac.eu/blog

Gli ingredienti chiave della Zuppa: cavoli verza – foto di U. Leone by pixabay

Viene presentata con piccole varianti, secondo le abitudini o i gusti personali, ma i 3 ingredienti cardine sono sempre pane, fontina e brodo di carne.

Il pane, tagliato a fette, dev’essere leggermente abbrustolito nel burro. Vengono poi utilizzati il cavolo verza (protagonista di un precedente articolo – lessato o brasato) – e la cannella.

Per la sequenza di preparazione, potrete consultare uno dei tanti articoli presenti online. Per imparzialità, vi segnaliamo la pagina dedicata alla Seupa dal sito ufficiale del turismo.

Seupa à la Vapelenentse – abbinamenti col vino

Pane affettato Zuppa Blogzine Cidac groscidac.eu/blog

Gli ingredienti chiave della Zuppa: pane casereccio affettato – ph. S.Robinson by Pixabay

Per degustare al meglio la Zuppa, vi consigliamo due possibili accostamenti.

Il primo è col Barbera d’Asti DOC e il secondo, più legato al territorio regionale, è col Fumin valdostano DOC.

Entrambi i vini hanno un profumo intenso e fruttato, reso rotondo e vellutato da qualche anno di invecchiamento, e sono in grado di valorizzare a pieno i sapori del piatto.

Potrete trovare tutti gli ingredienti citati nella ricetta, nonché i vini indicati, sugli scaffali della nostra area di vendita.