You are currently viewing Mucche Ballerine
[:it]IMG ZOOMABILE - Mucche Ballerine -Alessandra Celesia - foto @Martina Domaine[:]
  • Auteur/autrice de la publication :
Mucche Ballerine - A. Celesia Blogzine Cidac groscidac.eu/blog
IMG ZOOMABILE – Mucche Ballerine – Alessandra Celesia – foto @Martina Domaine

Avevamo già segnalato lo spettacolo teatrale « Mucche Ballerine » in un precedente articolo, nel novero di un progetto composito diretto da Alessandra Celesia, attrice e regista valdostana.

Per il prossimo 15 maggio, l’associazione Altitudini organizza una giornata di spettacoli e incontri, in sinergia con il Comitato per le celebrazioni dell’80° anniversario della Resistenza, della Liberazione e dell’Autonomia della Valle d’Aosta. Nell’occasione, Mucche Ballerine tornerà in scena, così abbiamo deciso di approfondire temi e dinamiche artistiche dell’evento.

Mucche Ballerine – una celebrazione di coraggio e libertà

Mucche Ballerine si distingue come un’opera teatrale unica, che mescola storia, fantasia e una notevole dose di ironia, per presentare una prospettiva affascinante e inaspettata sulla Resistenza durante la Seconda Guerra Mondiale. Ideato e interpretato da Alessandra Celesia, con testi di Marco Bosonetto e musiche di Christian Toma, questo spettacolo offre uno spaccato della vita in Valle d’Aosta durante gli anni dell’occupazione nazista e del movimento di liberazione, attraverso il punto di vista di Regina, una « mucca combattente ».

Mucca durante una Bataiile Blogzine Cidac groscidac.eu/blog
IMG ZOOMABILE – Mucca durante una Bataille de Reines – photo @Nadia&Massimo by Flickr – CC BY 2.0 DEED

Un’avventura immaginifica nella storia

Regina, la protagonista, è una « reine » valdostana che racconta con ironia e tenerezza il periodo del fascismo, quando le tradizionali Batailles de Reines vennero vietate. Al centro della trama, troviamo lei e le sue compagne, Ardita e Marquisa, ognuna con una personalità vivida e una propria visione del mondo. Nel racconto, le loro vicende s’intrecciano con quelle di una gruppo di partigiani che trasmette bollettini da una stazione radio segreta, in prossimità dell’alpeggio. Questa commistione di fatti storici e personaggi immaginari costruisce una narrazione avvincente, che riecheggia le storie reali di molte voci dell’epoca.

Una celebrazione della resilienza

La storia di Regina, che conquista la vittoria in una Bataille de Reines appena dopo la guerra, è una metafora potente della lotta per la libertà. Il suo rapporto con Denise, la pastorella che l’ha vista nascere e che non sopravvive al conflitto, è un inno all’amicizia e al coraggio delle donne che combatterono contro il fascismo. Queste storie, insieme a quella di Regina, incarnano un’indomita voglia di libertà, raccontando di combattimenti e sacrifici che trascendono il tempo.

Il Trio Lescano Blogzine Cidac groscidac.eu/blog
IMG ZOOMABILE – Foto d’epoca del Trio Lescano – scatto Excelsior by Picryl – public-domain

La magia della musica e della danza

La musica, eseguita dal vivo da Christian Toma, Alex Danna e Luca Moccia, avvolge in un mood vibrante l’atmosfera evocativa dello spettacolo. Il Trio Lescano, le sinfonie alpine e le composizioni moderne si alternano, creando un coinvolgente dialogo tra i suoni del passato e del presente. Le Mucche Ballerine, invece, « danzano » con grazia e ironia, con movimenti che rappresentano i loro caratteri unici, conferendo allo spettacolo un ritmo vivace e incalzante.

Un successo senza tempo

Lo spettacolo, prodotto da Curious Industries, verrà presentato allo Stadio Puchoz di Aosta fra qualche giorno, rinnovando il suo carattere di attualità. La storia è stata rappresentata oltre 200 volte in Italia e  all’estero, e rimane un brillante esempio di come il teatro possa essere un potente strumento di riflessione e memoria.

Credits Mucche Ballerine Blogzine Cidac groscidac.eu/blog
IMG ZOOMABILE –
Manifesto con tutti i credits di Mucche Ballerine – da C.S.

Mucche Ballerine è una rappresentazione in cui gli spunti creativi di Alessandra Celesia e Marco Bosonetto si fondono in una performance ricca di emozioni, che esplora il coraggio e l’umanità. In un mix avvincente di umorismo, tenerezza e mestizia, la rappresentazione offre una prospettiva davvero originale sulla Resistenza, ricordando come anche le storie più stravaganti possano portare alla luce verità profonde. È uno spettacolo da non perdere per chiunque cerchi un’esperienza teatrale che tocchi le corde dell’interiorità.

Potrete trovare altre informazioni e riferimenti sulla pagina dedicatagli dal sito di Altitudini.